Vendita Diretta Vino
Vendita Online
Visite in Cantina
Degustazioni
Ospitalità
Ristorante
Piscina
Corsi di Cucina
Percorsi Trekking
Maneggio
logo_prelius.gif

Prelius è il nome romano dell’antico lago costiero che già al tempo degli etruschi era al centro di un fiorente insediamento legato alla pesca, al commercio e all’agricoltura. Il lago si estendeva dal promontorio dell’Argentario fino a Castiglione della Pescaia, separato dal mare da una stretta lingua di sabbia dove ora cresce la splendida pineta grossetana. A 3 chilometri da Castiglione della Pescaia, lungo le pendici dell’anfiteatro collinare che lambiva il lago, si trova la località Prile dove crescono le nostre vigne, da cui otteniamo i vini di Castelprile Prelius.

LOGO AGRICOLA DEL NUDO NERO facebook.jpg
LOC. GRANAIONE, 90

Agricola del Nudo

Le Vigne_logo.png
Montenero d'Orcia, GR, Italia

Le Vigne

2019-06-06 17_56_45-Window.png

L’azienda si estende su una superficie totale di circa 38 ettari di cui 6 specializzati a vigneto, 4 ettari a oliveto e il resto sono boschi e terreni adibiti a prato-pascolo; ubicata a circa 350 metri slm nell’estremo confine nord della Maremma grossetana a metà strada tra le Colline Metallifere di Massa Marittima e il mare del golfo di Follonica. Il mix di questi elementi pedo-climatici e macchia mediterranea creano un terroir difficilmente imitabile dove la mineralità del suolo costituito da depositi ed erosioni naturali di galestro e calcare (rocce di anidrite) unita ai freschi venti e brezze marine conferiscono ai vini originali e inconfondibili note iodate ed ematiche, complessità ed eleganza gustativa.
I vitigni a bacca bianca coltivati sono: vermentino e viognier, mentre quelli a bacca rossa sono: sangiovese, alicante, merlot e cabernet sauvignon.

logo fendi.png
Loc. Pian di Macchina, 58014 Manciano

L’Azienda Guido F. Fendi si trova nell’entroterra della Toscana meridionale, regione caratterizzata da terre rosse e colline spioventi verso il mare, nota per la sua autenticità e le sue tradizioni.

Abbiamo voluto riflettere nei nostri vini lo stesso credo con cui abbiamo cresciuto la nostra famiglia: un credo fatto di valori, e di sostanza. Il credo che un buon vino non nasce nella botte, ma nel vigneto, nella cura mostrata alla terra, lavorata seguendo un attento approccio olistico che dona alle nostre vigne la loro forza e vitalità. Nel nostro terreno vediamo un organismo vivente che merita ed esige di seguire il primo corso, la cui biodiversità necessita di essere protetta. Per questo non possiamo prescindere da una lavorazione rispettosa della natura e dei suoi prodotti, sia nel vigneto, sia nella produzione del vino in cantina.

Arilli in Terrabianca.png
Loc. San Fedele a Paterno, 53017 Radda in Chianti siena

La storia di Terrabianca si intreccia nel 2019 con quella della famiglia italo-svizzera dei Burkard. Sono Adriana ed Urs, con l’acquisizione delle tenute Terrabianca e Il Tesoro, a cambiare il destino della cantina, mossi dalla voglia di dare vita a un progetto radicato nella storia vitivinicola toscana che punta a diventare un modello contemporaneo di realtà eco-sostenibile.
Ripartire dal protagonismo della Natura per lasciare alle generazioni future un modello di impresa ecosostenibile, dove l’uomo sia interprete e custode della terra e i frutti del suo lavoro siano prodotti di eccellenza. E ‘questa la visione con cui Adriana e Urs Burkard nel 2019 hanno scelto di acquistare Arillo in Terrabianca, realtà vitivinicola unica con tre anime distinte, quelle delle tenute Terrabianca a Radda in Chianti, Il Tesoro a Massa Marittima e Colle Brezza a Pienza.
E’ nel cuore della Toscana enologica più autentica, del Chianti Classico, della Maremma e della Val d’Orcia che Arillo in Terrabianca ha dato vita ad un progetto pionieristico che parte dalla centralità dei terroir; impara dal passato e si proietta nel futuro con la conversione al biologico di tutti i terreni.
TERRABIANCA Nel cuore del Chianti Classico, tra le province di Siena e Firenze, nel borgo di San Fedele a Paterno nel Comune di Radda in Chianti sorge la più storica delle tre tenute Arillo: Terrabianca. Estesi su 12,5 ettari i nostri vigneti sono coltivati principalmente a Sangiovese. Il terreno, in pendenza su quota medio alta, è ricco di roccia calcarea.
TESORO La tenuta, estesa su una superficie di circa 115 ettari con un’altitudine che arriva fino ai 140 metri sul livello del mare, è caratterizzata da diverse tipologie di terreno (scheletro e argilla) ricche di minerali come ferro e magnesio. I 36 ettari di vigneti si estendono su diverse altezze con esposizione prevalentemente a Sud, godono di condizioni climatiche particolari – vicinanza al mare, costante ventilazione, forti escursioni termiche – che consentono la coltura di uve sane, profumate e dalla lenta maturazione.
COLLE BREZZA Immersa nella Val d’Orcia, patrimonio dell’UNESCO, è in questo contesto che si estende per 36 ettari Colle Brezza, boutique-farm biologica, circondata da boschi incontaminati, è sede di un terreno naturale di produzione del tartufo bianco.
L’obiettivo è semplice, ma ambizioso: produrre vini autentici dalla forte identità e dalla spiccata impronta territoriale con principi della viticoltura sostenibile e minimalista, fatta di rispetto, equilibrio e armonia.

Logo Vettoriale3_TRM_logo Acqua Giusta_Tenuta Badiola.png

La Tenuta La Badiola si trova nel cuore della Maremma toscana, a 7 Km da Castiglione della Pescaia e dal Mar Tirreno, circondata da verdi olivi e da filari di vigneti che si alternano ritmicamente fino ad addensarsi, più a sud, nella macchia mediterranea.
La storia di Tenuta La Badiola inizia nel 1800 con Leopoldo II di Lorena, Granduca di Toscana. Una figura intraprendente e moderna, che si prese la responsabilità di riportare in vita l’imprenditoria locale, provata da secoli di fatica e povertà. Alla base del suo progetto di sviluppo dell’attività agricola c’era il piano di bonifica dell’area paludosa della Maremma. Questo luogo si trasformò pian piano in un paradiso naturale, dove Leopoldo II insediò i borghi e le fattorie che avrebbero poi dato origine all’agricoltura maremmana. La bellezza di questi luoghi lo colpì a tal punto che proprio alla Badiola Leopoldo II decise di far erigere una delle sue ville, ancora oggi perfettamente conservata, che divenne poi la residenza estiva della sua corte. Nel corso degli anni la tenuta è stata smembrata ed è passata nelle mani di diverse proprietà, subendo numerose trasformazioni. Nel 2000 è stata acquistata dalla famiglia Moretti, già proprietaria della cantina Bellavista in Franciacorta, che ha preservato la tenuta e la villa leopoldina dall’incuria del tempo. La famiglia Moretti, guidata da Vittorio e dalla figlia Francesca, ne ha sviluppato anche il progetto vitivinicolo: nei 500 ettari della tenuta ha preso vita l’omonima cantina Tenuta La Badiola, che dai 36 ettari di vigne produce un bianco, un rosato e un rosso denominati “Acquagiusta”, nome che deriva da una sorgente sotterranea di acqua purissima, che rappresentava un netto contrasto con le paludi circostanti.

LOGO POGGIO STENTI_BORDEAUX.jpg
PODERE STENTI 26/A MONTENERO D’ORCIA

Poggio Stenti

logo-cantina-i-vini-di-maremma.jpg
LOCALITA’ IL CRISTO - MARINA DI GROSSETO

L’avventura de Ivinidimaremma.it inizia nel 1954, con la creazione della Società Agricola Cooperativa grazie alla passione e all’entusiasmo dei nostri soci viticoltori. Negli ultimi anni abbiamo deciso di unire passione e competenze per realizzare il nostro sogno: permettere a chiunque di scegliere e acquistare il vino più adatto ad ogni occasione in modo semplice e conveniente, attraverso la nostra cantina online. Oggi siamo una realtà aziendale in equilibrio tra tradizione e modernità, in grado di consegnare l’eccellenza dei suoi prodotti direttamente sulla tavola dei nostri clienti. L’impegno profuso nelle attività di cantina e l’attenta selezione delle uve ha portato i nostri vini a distinguersi in numerosi premi e concorso enologici, tra i quali “The Italian Wine Competition” che ha assegnato la medaglia di bronzo al nostro vino “Maremma Toscana Ansonica DOC 2019”. Mentre il nostro “Vermentino Biologico Albarese DOC 2019” è stato selezionato da Federparchi e Festambiente per la seconda rassegna “Degustazione Nazionale dei Vini, dei Parchi e delle Aree protette”.

tenuta del fontino - nero.jpg

Tenuta del Fontino: una finestra aperta sul mondo biologico e biodinamico. Un passo indietro è un grande passo in avanti.
La Tenuta è formata da oltre 700 ettari, composti da 15 ettari vitati con principalmente varietà autoctone della zona, 8 ettari di olivi, circa 100 ettari di campi a seminativo e 500 ettari di bosco. Da alcuni anni abbiamo intrapreso un nuovo percorso, nel quale dedichiamo molta più importanza a tutti i processi produttivi, partendo da una grande attenzione e rispetto della terra, dell’ambiente e dell’uomo. Un’agricoltura in sintonia con la natura, dove la fertilità del terreno è ricavata unicamente con tecniche di coltivazione che sfruttano le rotazioni colturali ed i concimi vegetali, senza l’utilizzo di agenti chimici. Cereali, Olio ma soprattutto vini naturali che sono il frutto della spremitura delle nostre uve e che esprimono così la vocazione del vitigno e del territorio in cui sono coltivati.
Un processo che, preferendo la qualità alla quantità, richiama regole antiche e richiede molta più dedizione e costanza per coltivare.

logo Poderi BANDERA-2_nero_trasparente.png
Località Maiano Lavacchio, 55

Poderi Bandera è un’azienda situata nell’estremo nord del Comune di Magliano in Toscana, luogo
per eccellenza per la coltivazione di uve destinate alla produzione vini tipici della Maremma Toscana.
La nostra realtà è inserita in un contesto di rara integrità ambientale dove i segni dell’antropizzazione sono quasi nulli.
Le origini della tenuta risalgono al periodo della riforma agraria degli anni ’50, quando i terreni sono stati messi a coltura impiantando viti e olivi.
L’esigua superficie vitata originaria è stata rivista e ampliata alla fine degli anni ’90 con l’impianto di vitigni locali a bacca nera e bianca.

logo-cavallini-grande.png

Azienda storica in Maremma Toscana di circa 350 ettari, tra Saturnia e Capalbio, appartenuta ai Ciacci fin dal 1800, e giunta in eredità alla famiglia Pirozzi-Lupinacci, oggi proprietaria, che ha continuato a credere ed investire nei Cavallini. Fanno il vino Roberto e Nicola, due fratelli.
“Poggio Campana” e il “Poggione”, ideali per esposizione e qualità del terreno, ospitano i due impianti principali del vigneto per circa 10 ettari. L’esposizione a sud dà la forza al vino e lo scheletro sassoso la mineralità. La vicinanza del mare, favorendo l’escursione termica notturna, favorisce la complessità aromatica.
Sangiovese, Ciliegiolo, Alicante (Grenache), Merlot e Vermentino sono le basi dei nostri vini monovitigno DOC Maremma Toscana e Morellino di Scansano DOCG. E’ costante l’impegno personale per una lavorazione rispettosa dell’integrità del territorio e del frutto per produrre vini fini, che si distinguono per mineralità e freschezza.

logo Prato al Pozzo.png

L’azienda Prato al Pozzo si trova a Cinigiano, nell’alta maremma toscana, alle pendici del monte Amiata sulla collina a sud di Montalcino, nel cuore della denominazione Montecucco.
L’azienda è composta da c.a. 11 ettari di cui 1,5 piantati a vigneto, i restanti sono occupati da oliveto e seminativi. I vigneti hanno esposizione sud ed un’altitudine di 250 metri s.l.m.. Il terreno è argilloso e calcareo. Il microclima, particolarmente favorevole è influenzato positivamente dalla buona esposizione e dalla costante ventilazione.

logo_maremma_nero.jpg
Località Pontoncino Pomonte - 58054 Scansano GR

Porfiri Giovanni e Sonnini Eris

logobottom.png
S.S. Aurelia Km 1 168+240 m nord, Alberese

Azienda Agricola Biologica Donato Edoardo Podere Carpine

Etichetta-Civettaio_Sangiovese_Web.jpg
LOCALITA' CIVETTAIO, SNC

Il Civettaio nasce nel 1998 con l’obiettivo di creare una piccola azienda di qualità.
30 ettari tra vigneti, oliveti e bosco, coltivati in modo biologico.
Così nascono i vini e olii extravergini che provengono solo da uve e olive di produzione aziendale. Seguendo tutto la produzione con un lavoro quasi interamente manuale posso garantirne la qualità e la coerenza nel tempo.
L’agriturismo, in un casale del 1700 frutto di restauro conservativo, offre sei appartamenti e camere tutti con aria condizionata. Piscina e piccolo ristorante completano il soggiorno.

logo_maremma_nero.jpg
Podere San Giovanni - Località Collecchio 58051 Magliano in Toscana

Fusini Riccardo

Mostro 1 risultati di 20 su 136
Torna su